Tributi e pagamenti

Titolo del corso: Revisione del modello di gestione del ciclo passivo attraverso l’applicazione delle tecniche di Process Analysis & Improvement

Macro area di attività: Servizi fiscali e finanziari – tributi e pagamenti

Coordinatore didattico: Prof. Nathan Levialdi Ghiron , Direttore del Dipartimento Ingegneria dell’Impresa dell’ Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”

Docenti: Ing. Francesco Giordano; Ing. Antonio Iovanella

Tutor: Ing. Giampiero Forte; Dott. Luigi Tiburzi

Durata del corso: 80 ore

Programma del corso:

Il programma formativo, progettato secondo lo schema del learning-by-doing, è diviso in due parti. La prima è costituita da 24 ore di training preliminare, propedeutico per le fasi successive e necessario per allineare i partecipanti relativamente agli obiettivi del progetto, alle metodologie che si intende applicare e alle principali tecniche di gestione dei progetti.

Gli argomenti del training preliminare saranno i seguenti:

  1. La normativa sugli acquisti, il Codice dei Contratti Pubblici.
  2. I principi della gestione per processi nella PA
    1. Il nuovo paradigma nella gestione dei processi nella PA
    2. I principi della gestione per processi
    3. I processi come leva per la sostenibilità
  3. Il Business Process Management
    1. Gli elementi per la progettazione del modello dei processi
    2. Lo standard Business Process Modeling Notation (BPMN)
  4. Elementi di Project Management

Successivamente i discenti saranno divisi in gruppi di lavoro di 3-5 persone, sotto la supervisione di un docente, per contribuire alla progettazione del modello di gestione del ciclo passivo ipotizzato. Durante tali attività, i partecipanti apprenderanno, attraverso l’applicazione pratica, le principali soft skill (team building, leadership, problem solving e pensiero creativo, gestione del clima organizzativo, comunicazione efficace) necessarie per il team working efficiente e la realizzazione del progetto.

Il progetto si avvarrà anche della collaborazione dell’ANAC (Autorità Nazionale Anticorruzione) cosi come definito dalla lettera di intenti inviata dall’Ufficio del PRES – SGPRES Capo Segreteria e Segreteria del Presidente in data 12/09/2014 n. prot. 0106788.

All’interno del progetto il ruolo dell’ANAC sarà di fornire attività di tutoraggio finalizzate alle analisi di conformità delle proposte di riprogettazione del ciclo passivo nelle Pubbliche Amministrazioni che saranno coinvolte nel progetto.

Il programma di progetto, definito sulla base delle tecniche formalizzate di project management, è stato definito per condurre alla realizzazione del modello di gestione stimolando un comportamento proattivo ed orientato al risultato.

Le fasi di lavoro (work package) previste dal programma sono le seguenti:

  1. Analisi del contesto(WP1)
    1. Analisi della normativa vigente
    2. Analisi del contesto organizzativo e dei fabbisogni dell’Amministrazione di provenienza
    3. Analisi del contesto ICT
    4. Disegno del processo degli acquisti attualmente in uso nell’Amministrazione di provenienza mediante lo standard BPMN (analisi as-is)
  2. La progettazione del modello di gestione (WP2)
    1. Definizione degli indicatori chiave di performance (KPI)
    2. Definizione delle ipotesi di miglioramento
    3. Definizione delle criticità del processo
  3. Pilota di implementazione e verifica di conformità (WP3)
    1. Costruzione del nuovo processo secondo lo standard BPMN (definizione to-be)
    2. Introduzione alla simulazione di processo, la verifica di conformità di flusso
    3. Verifica della conformità alla normativa
    4. Redazione della documentazione di supporto.

Si descrivono di seguito nel dettaglio le attività previste in ciascun work package.

WP1: Per l’analisi del contesto sarà seguito un approccio bottom-up ed una metodologia learning by doing, saranno condivise le diverse esperienze lavorative dei partecipanti nell’ambito del processo degli acquisti (as-is) al fine di pervenire ad una loro modellizzazione. Tale modellizzazione sarà effettuata attraverso l’uso del linguaggio “Business Process Modeling and Notation” (BPMN), di cui verranno fornite le conoscenze necessarie in una prospettiva di accrescimento delle competenze professionali dei discenti e di sviluppo della loro attitudine al lavoro di gruppo.

WP2: Per questa fase di progettazione, partendo dalle analogie e differenze dei processi degli acquisti (as-is) nelle diverse PA in termini di analisi dei requisiti e delle risorse necessarie, si passerà alla realizzazione/reingegnerizzazione di un modello di processo standard degli acquisti (to-be) che consenta di superare le esperienze delle singole PA, favorendone la collaborazione in una logica di rete.

WP3: Per la fase di “pilota di implementazione”, attraverso tecniche di simulazione al calcolatore, si analizzeranno i diversi casi d’uso del modello proposto, verificandone la conformità e predisponendo eventuali calibrazioni globali e/o locali. In quest’ultima fase, inoltre, saranno valutati i potenziali impatti sulle performance di sostenibilità ambientale (riduzione consumo di carta), sociale (equa distribuzione del rischio tra i dipendenti) ed economica (miglioramento efficienza), derivanti dall’implementazione del processo to-be.

Ciascuna fase prevede la produzione da parte dei gruppi di lavoro di uno o più deliverable, che potranno contribuire al rapporto individuale che ciascun discente dovrà fornire al termine del corso alla propria Amministrazione.