Progetti finanziati Regione Lazio

• AUTOMEZZI COMPATTATORI AD ELEVATA FUNZIONALITA’ PER LA RACCOLTA E IL TRASPORTO DEI RIFIUTI URBANI (ACME)

• PACCHI BATTERIE CON SISTEMA DI RAFFREDDAMENTO RAME-GRAFENE (BRAIN)

• CONTENITORI MULTIFUNZIONALI 4.0 PER SISTEMI ELETTRONICI AEROSPAZIALI (COMETA)

• TECNOLOGIA INNOVATIVA 4.0 PER LA PRODUZIONE DI SPESSORI METALLICI ULTRA-PRECISI PER STRUMENTI OTTICI SPAZIALI (TALISMANI)

• PRODUZIONE SOSTENIBILE ED EFFICIENTE DI SOLVENTI DA RIFIUTI MEDIANTE STRUMENTI INNOVATIVI PER L’ECONOMIA (PRECISO)

• NUOVO SISTEMA DI ACCUMULO DI ENERGIA TERMICA PCM E STRUTTURE CELLULARI METALLICHE (BE CIRCULAR)



pubblicazione web progetti finanziati regione lazio2018

AUTOMEZZI COMPATTATORI AD ELEVATA FUNZIONALITÈ PER LA RACCOLTA E IL TRASPORTO DEI RIFIUTI URBANI (ACME)

Il progetto, proposto con la Società Fratelli Mazzocchia S.p.A, è stato sovvenzionato nell’ambito dell’Avviso pubblico “Mobilità sostenibile e intelligente” (POR FESR Lazio 2014-2020, Asse I – Ricerca e innovazione e Asse 3 – Competitività).

Obiettivo dell’Avviso è quello di rafforzare la competitività del tessuto produttivo laziale, in coerenza con le aree di specializzazione della Smart Specialisation Strategy (S3) regionale, Green Economy e Sicurezza, attraverso il sostegno di Progetti Imprenditoriali innovativi realizzati da imprese, singole e associate, che abbiano ricadute significative sugli ambiti strategici individuati tramite la Call for Proposal “Sostegno al riposizionamento competitivo dei sistemi imprenditoriali territoriali” (approvata con la DD G09404/2015).

Il progetto, della durata di 18 mesi, riguarda la realizzazione di automezzi compattatori ad elevata funzionalità per la raccolta dei rifiuti urbani, caratterizzati da elevata funzionalità e basso impatto ambientale.

Si intende realizzare un automezzo dimostratore caratterizzato dai seguenti aspetti: la riduzione dei consumi e/o l’aumento del carico utile ottenuti con l’alleggerimento del sistema di compattazione mediante la progettazione avanzata e l’impiego di nuovi materiali; la riduzione del rumore emesso dall’automezzo durante il funzionamento, da perseguire mediante uno studio sistematico delle caratteristiche delle fonti di emissione e la verifica della possibilità di adottare nuovi materiali per i sistemi smorzanti e fono assorbenti; la riduzione della carica batterica mediante la realizzazione di superfici auto-pulenti e auto-igienizzanti (esterne – interne del sistema di compattazione e della cabina guida) con l’adozione delle nanotecnologie a base TiO2; la riduzione dei fermi macchina e la risoluzione delle criticità di funzionamento mediante il monitoraggio e la gestione della integrità e efficienza del sistema di compattazione con lo sviluppo di un controllo remoto.

Torna su



pubblicazione web progetti finanziati regione lazio2018

PACCHI BATTERIE CON SISTEMA DI RAFFREDDAMENTO RAME-GRAFENE
(BRAIN)

Il progetto, realizzato con la Società Elettronica e Sistemi per Automazione – ELE.SI.A. S.p.A.,  è stato sovvenzionato nell’ambito dell’Avviso pubblico “KETs – tecnologie abilitanti” (POR FESR Lazio 2014-2020, RIPOSIZIONAMENTO COMPETITIVO – FASE II)

Obiettivo dell’Avviso è quello di favorire la riqualificazione settoriale, lo sviluppo delle filiere e rafforzare la competitività del tessuto produttivo laziale, favorendo l’applicazione delle tecnologie abilitanti (Key Enabling Technologies – KETs)  in tutte le aree di specializzazione della Smart Specialisation Strategy (S3) regionale, Aerospazio, Scienze della Vita, Beni culturali e tecnologie per il patrimonio culturale, Industrie creative digitali, Sicurezza, Green Economy e Agrifood, attraverso il sostegno di Progetti Imprenditoriali realizzati da imprese, singole e associate, che, anche mediante integrazione di filiere, scambio di conoscenze e competenze, abbiano ricadute significative sugli ambiti strategici individuati tramite la Call for Proposal “Sostegno al riposizionamento competitivo dei sistemi imprenditoriali territoriali”.

Scopo del progetto, della durata di 18 mesi, è la realizzazione di Pacchi Batterie con BTMS dette BTMS (Battery Thermal Management System) che impieghino per i sistemi di raffreddamento un materiale avanzato ad elevatissima conducibilità termica costituito da depositi di rame caricato uniformemente con nanopolveri di grafene. Il progetto si colloca nelle direttrici di cambiamento indicate nel documento definitivo della Smart Specialization Strategy della Regione Lazio (S3) riportate nei paragrafi 2.3.1 Aerospace e 2.3.6 Green Economy.

Il Progetto proposto rientra nei temi dei Servizi Satellitari definiti come”… tutti quei servizi forniti ai clienti grazie all’utilizzo di informazioni provenienti dai satelliti e possono quindi essere tradotti in svariate forme…..”. Gli obiettivi di ricerca si inquadrano in particolare nell’ambito dello sviluppo della conoscenza e delle innovazioni di prodotto e di processo afferenti le tematiche, incluse la produzione dei pacchi batterie con BTMS per sistemi elettronici, destinati al settore dell’aerospazio che rientrano in pieno nell’ambito del “Ground Equipment” che viene definito nell’ambito della S3 come “ …….. ground equipment che riguarda … tutto l’equipaggiamento terrestre che serve per comunicare con i satelliti ed immagazzinare le informazioni ed i dati da essi raccolti”.

Il progetto rientra altresì nei temi della Green Economy in riferimento allo “sviluppo di settori eco-innovativi per favorire tecnologie, processi, servizi e prodotti green”. La realizzazione dei pacchi batterie con BTMS innovativi si colloca nell’area della mobilità sostenibile e intelligente e in particolare allo sviluppo di soluzioni innovative di prodotto e di processo relativi alla mobilità elettrica (Power Train e Nuovi materiali).

Torna su



pubblicazione web progetti finanziati regione lazio2018

CONTENITORI MULTIFUNZIONALI 4.0 PER SISTEMI ELETTRONICI AEROSPAZIALI
(COMETA)

Il progetto, realizzato con la Società Elettronica e Sistemi per Automazione – ELE.SI.A. S.p.A. ,è stato sovvenzionato nell’ambito dell’Avviso pubblico “Aerospazio e sicurezza” (POR FESR Lazio 2014-2020, Asse I – Ricerca e innovazione e Asse 3 – Competitività).

Obiettivo dell’Avviso è quello di  favorire la riqualificazione settoriale, lo sviluppo delle filiere e rafforzare la competitività del tessuto produttivo laziale, in coerenza con le aree di specializzazione della Smart Specialisation Strategy (S3) regionale, Aerospazio, Sicurezza, Green Economy e Agrifood, attraverso il sostegno di Progetti Imprenditoriali realizzati da imprese, singole e associate, che, anche mediante integrazione di filiere, scambio di conoscenze e competenze, abbiano ricadute significative sugli ambiti strategici individuati tramite la Call for Proposal “Sostegno al riposizionamento competitivo dei sistemi imprenditoriali territoriali”.

Il progetto di ricerca, della durata di 18 mesi, si inquadra nell’ambito della produzione dei contenitori per sistemi elettronici (Electronic System Packaging-ESP) destinati al settore dell’aerospazio. I sistemi elettronici interessati sono gli apparati relativi all’equipaggiamento terrestre che serve per comunicare con i satelliti ed immagazzinare le informazioni e i dati da essi raccolti (Ground Equipment dalla Smart Specialization Strategy della Regione Lazio (S3), paragrafo 2.3.1 Aerospace, Servizi Satellitari Aerospazio), oltre agli apparati di aiuto alla navigazione, i computer di bordo, i sistemi di comunicazione radio, i gruppi di continuità (batterie e inverter). Obiettivo finale del progetto è la progettazione e la produzione di contenitori prototipali ESP (Electronic System Packaging-ESP) – ATR (Air Transport Rack) (con livello di maturità tecnologica TRL6/TRL7) altamente innovativi  per il settore aerospaziale che devono conservare i vincoli normativi (i contenitori ESP impiegati nel settore dell’aerospazio devono rispondere agli standard ATR Air  Transport Rack in termini di fattore di forma e d’interfacce meccanica, elettrica e termica), normativa che consente numerosi vantaggi quali la modularità, la scalabilità, la facilità di trasporto e l’efficiente gestione della logistica delle parti di rispetto, ma per contro genera vincoli progettuali e costruttivi che allo stato attuale contribuiscono a limitare l’innovazione del prodotto; per rispondere alle richieste del mercato, e superare le criticità consentendo di proporre al mercato internazionale prodotti altamente competitivi in termini di prestazioni, costi e nuove funzionalità, l’obiettivo è sviluppare attività di ricerca industriale e di sviluppo sperimentale, di prodotto e di processo   che saranno focalizzate sui seguenti aspetti: Progettazione – nuovi criteri di multifunzionalità nella progettazione dei contenitori che possano integrare soluzioni termiche, meccaniche e l’impiego di sensoristica innovativa ai fini della autodiagniostica; Materiali – adozione di nuovi materiali quali schiume metalliche, depositi rame/grafene, compositi a matrice polimerica e fibre di carbonio progettati per l’applicazione, depositi metallici su polimeri; Tecnologie – impiego di nuove tecnologie di additive manufacturing con polveri metalliche o polimeriche, trattamenti di metallizzazione superficiale di materiali polimerici e compositi, tecnologie di deposizione rame/grafene; Autodiagnostica – progettazione e costruzione di una nuova sensoristica termica e meccanica inserita nel materiale strutturale, sistemi per il trattamento dei dati, modelli di intelligenza artificiale per l’autodiagnostica.

Torna su



pubblicazione web progetti finanziati regione lazio2018

TECNOLOGIA INNOVATIVA 4.0 PER LA PRODUZIONE DI SPESSORI METALLICI ULTRA-PRECISI PER STRUMENTI OTTICI SPAZIALI
(TALISMANI)

Il progetto, proposto con la Società AIRWORKS S.R.L., è stato sovvenzionato nell’ambito dell’Avviso pubblico “Aerospazio e sicurezza” (POR FESR Lazio 2014-2020, Asse I – Ricerca e innovazione e Asse 3 – Competitività).

Obiettivo dell’Avviso è quello di favorire la riqualificazione settoriale, lo sviluppo delle filiere e rafforzare la competitività del tessuto produttivo laziale, in coerenza con le aree di specializzazione della Smart Specialisation Strategy (S3) regionale, Aerospazio, Sicurezza, Green Economy e Agrifood, attraverso il sostegno di Progetti Imprenditoriali realizzati da imprese, singole e associate, che, anche mediante integrazione di filiere, scambio di conoscenze e competenze, abbiano ricadute significative sugli ambiti strategici individuati tramite la Call for Proposal “Sostegno al riposizionamento competitivo dei sistemi imprenditoriali territoriali”.

Il  progetto, della durata di 18 mesi, intende realizzare  un nuovo processo di produzione, con attività di progettazione avanzata e tecniche di manufacturing basate su ALM (Additive Layer Manufacturing), AUM (Advanced Ultraprecision Manufacturing) e l’impiego della intelligenza artificiale ai fini del controllo di processo e della progettazione/qualificazione del prodotto e di un nuovo prodotto quali sono gli spessori ultra-precisi per la strumentazione ottica scientifica per l’osservazione terrestre e l’esplorazione dell’universo.

Nello specifico considerata l’importanza cruciale che hanno gli strumenti ottici nell’industria spaziale (e non solo per lo studio del clima, ma anche per sicurezza nazionale e i tanti usi commerciali), questo progetto propone la ricerca e lo sviluppo industriale di una nuova tecnologia di spessori “ultra-precisi” per applicazioni Spazio, intesi come spessori paralleli o inclinati di dimensione massima fino a 100 mm ottenuti con un errore inferiore a ± 2 μm sullo spessore e deviazione dall’angolo nominale minore di ± 10 secondi d’arco (0.0028°).

Queste specifiche, specie per le tolleranze sull’angolo, sono tra le 5 e le 10 volte più accurate di quanto sia realizzabile al momento e permetteranno:

•  un drastico abbattimento dei tempi e dei costi attualmente necessari all’Industria Spaziale per raggiungere l’allineamento ottico della strumentazione
•  la possibilità per l’Industria di migliorare ulteriormente le performance ottiche degli Strumenti, disponendo di un sistema di spessorazione significativamente più preciso di quello realizzabile attraverso altre tecnologie avanzate.

Saranno sviluppate la conoscenza e le innovazioni di prodotto e di processo afferenti le tematiche incluse nella Smart Specialization Strategy della Regione Lazio – S3 riguardanti in particolare: la componentistica  spaziale, con riferimento a nuovi materiali e/o nuovi componenti elettronici, ottici, elettromeccanici, digitali e di sottosistemi avanzati di bordo e di terra; le tecniche di manufacturing basate su ALM (Additive Layer Manifacturing).

Torna su



pubblicazione web progetti finanziati regione lazio2018

PRODUZIONE SOSTENIBILE ED EFFICIENTE DI SOLVENTI DA RIFIUTI MEDIANTE STRUMENTI INNOVATIVI PER L’ECONOMIA
(PRECISO)

Il progetto della durata di 18 mesi proposto con la Società Kemipol SrL si inquadra nell’ambito della produzione da rifiuti di solventi per impieghi industriali ed è stato sovvenzionato nell’ambito dell’ Avviso Pubblico “Circular Economy ed Energia – Progetti Integrati” (POR FESR LAZIO 2014-2020 – RIPOSIZIONAMENTO COMPETITIVO – FASE II)

L’ obiettivo del progetto è quello di realizzare un processo innovativo che superi gli attuali limiti produttivi e di impatto ambientale adottando strumenti e metodiche che rispondono alla implementazione dei principali paradigmi della economia circolare.

Questi si concretizzeranno nei seguenti traguardi:

- processo innovativo di trattamento a basso impatto ambientale caratterizzato da elevata efficienza e flessibilità;
– modelli e metodi per la simulazione e la gestione del processo e per la simbiosi industriale efficiente.

Le attività da sviluppare riguarderanno i seguenti temi:
- studio e realizzazione di un impianto prototipale per l’estrazione di solventi mediante gas in fase subcritica;
– studio e impiego di nuovi catalizzatori con maggiore efficienza;
– studio e realizzazione di modelli di intelligenza artificiale finalizzati alla simulazione e al controllo di processo;
– sviluppo di modelli e metodiche di integrazione industriale.

I risultati attesi dalle ricadute di progetto consentiranno: di ridurre i tempi, i costi e l’impatto ambientale nella produzione di solventi da rifiuto; una elevata flessibilità operativa; nuovi strumenti efficienti per la simbiosi industriale.

Torna su



pubblicazione web progetti finanziati regione lazio2018

NUOVO SISTEMA DI ACCUMULO DI ENERGIA TERMICA PCM E STRUTTURE CELLULARI METALLICHE
(BE CIRCULAR)

Il progetto della durata di 18 mesi proposto con tre partner industriali, OPV Solutions Srl, Gruppo Nexus Srl e PLP Meccanica Srl, si inquadra nel settore dei sistemi per la produzione di acqua calda in ambito domestico a uso sanitario e per il funzionamento degli elettrodomestici ed è stato sovvenzionato nell’ambito dell’ Avviso Pubblico “Circular Economy ed Energia – Progetti Integrati” (POR FESR LAZIO 2014-2020 – RIPOSIZIONAMENTO COMPETITIVO – FASE II)

Obiettivo specifico è lo studio, la progettazione e la realizzazione di un sistema innovativo per l’accumulo di energia termica prodotta da pannelli solari.
Un sistema di accumulo è in grado di acquisire energia termica durante il giorno e di cederla anche di notte consentendo di disaccoppiare il momento della produzione dell’energia con quello dell’utilizzo.
Rispetto ai sistemi di accumulo tradizionali il nuovo sistema sarà caratterizzato da: elevata efficienza in termini di quantità di energia accumulata per volume dell’accumulatore; ingombri ridotti; basso impatto ambientale in termini di consumi energetici e CO2 prodotta; ridotta manutenzione.
Queste prestazioni saranno raggiunte grazie all’impiego di un nuovo materiale composito caratterizzato dal cambiamento di fase (solido-liquido-solido) di uno dei due materiali che lo costituiscono.
In particolare, il composito sarà costituito dall’accoppiamento di polimeri a cambiamento di fase (PCM) dispersi in una struttura cellulare in alluminio (FILLER).
Il polimero nella transizione solido/liquido/solido consente l’accumulo/cessione di una elevata quantità di energia termica mentre la struttura cellulare in alluminio consente la conduzione termica da e verso zone di polimero anche interne a questo. In assenza della struttura cellulare lo scambio termico sarebbe ostacolato dalla naturale bassa conducibilità termica del polimero.
Il composito presenta, invece, nel complesso alta capacità di accumulo e buona conduzione termica dimostrate con studi sperimentali che hanno consentito di raggiungere un livello di conoscenza classificabile in TRL5-6.
Elementi di criticità, da superare con attività di R&S, riguardano i seguenti aspetti: definizione della geometria ottimale della struttura cellulare di alluminio; studio delle condizioni di scambio termico alla interfaccia polimero/metallo alle diverse temperature; definizione delle tecnologie di produzione della struttura cellulare in relazione alla tipologia di lega di alluminio da impiegare, alla struttura cellulare ottimale,ad una costruzione modulare e alla riduzione dei costi. Le informazioni acquisite saranno impiegate: per il dimensionamento termico e strutturale dell’accumulatore nonché per la progettazione e realizzazione di dimostratori, secondo i requisiti che le norme nazionali ed europee prevedono.

Torna su